*articolo aggiornato il 10/09/2018

Ciao,

gli occhi sono lo specchio dell’anima” è una delle frasi più comuni all’interno della “psicologia ingenua”. Ti ho già raccontato come questo detto abbia delle basi fondate sul fenomeno della attrazione.

Tutto è basato su una disciplina che studia la comunicazione non verbale delle pupille…la pupillometria. Eckhard Hess della università di Chicago, uno dei primi che ha ricercato le cause psicologiche e il significato della dilatazione pupillare, ha scoperto questo affascinante fenomeno.

Quando siamo attratti da qualcosa le pupille si dilatano e quando invece proviamo una repulsione o sfida queste si chiudono a spillo.

La cosa affascinante di questo comportamento non verbale è la sua assoluta spontaneità,cioè la dilatazione non può essere controllata (se non con l’ausilio di sostanze chimiche).

Le pupille si dilatano quando:

  • vediamo una persona che ci attrae
  • quando vediamo qualcosa che vorremmo avere
  • quando risolviamo un problema
  • quando vediamo altre persone che hanno le pupille dilatate, sempre per effetto dei magnifici neuroni specchio.

La luce soffusa per gli incontri romantici sembra essere l’ideale per fare in modo di aumentare le pupille e dare l’idea ad entrambi che ognuno sia attratto dall’altro.

Questa tecnica è stata utilizzata abilmente anche nel mondo del marketing, infatti mettere una bella donna in copertina con le pupille dilatate al computer ha permesso alla nota marca di rossetti Revelon di aumentare del 45% la vendita dei propri prodotti.

Questo è anche il motivo per cui le bambole e i fumetti giapponesi attirano così tanto…perchè hanno delle pupille enormi.

Ecco un piccolo esperimento: guarda le dimensioni delle pupille di un soggetto e poi fagli fissare questa immagine per qualche istante:

Lo so è un po’ storta…ma come ti ho raccontato ormai 1000 volte non sono un grande grafico. Guarda le pupille del “soggetto” e nota che cosa è accaduto…ora invece fagli fissare questa altra immagine…

Nuovamente controlla la dimensione delle pupille, se il soggetto avrà fissato a sufficienza l’immagine, quasi di sicuro anche le sue pupille si saranno dilatate questo proverebbe non solo che esiste un effetto specchio ma che questo è addirittura indipendente dalla reale presenza o meno di un soggetto in carne ed ossa.

Siamo quindi geneticamente predisposti ad aumentare o diminuire la dimensione delle pupille…

E’ stato ampiamente dimostrato come anche nel gioco del poker vi sia questo effetto, ed è per questo che molti professionisti hanno gli occhiali da sole.

Infatti quando un giocatore ha un punteggio alto le sue pupille saranno decisamente più dilatate, e come già detto questo non è un comportamento che si può dissimulare poiché completamente inconsapevole.

 

Ecco un video più recente che mostra alcuni studi sullo sguardo:

 

 

E tu che cosa pensi sul fenomeno della dilatazione delle pupille? Lascia un commento qui sotto e se vuoi puoi seguire quotidianamente il mio blog dai miei feed rss e da facebook.

A presto
Genna

Qui tutti gli studi sulla Comunicazione non Verbale