Ciao,

dedurre la personalità altrui è un compito arduo, tuttavianegli ultimi 100 anni la psicologia della personalità hafatto passi da gigante. E’ possibile osservare i ben notitratti di personalità attraverso ogni comportamentoumano…verbale e non verbale. Studi precedenti hannomesso in evidenza che anche l’utilizzo di alcuni terminipossono far emergere tratti di personalità. Ad esempioi nevrotici hanno l’inclinazione ad utilizzare più termininegativi cioè “pessimistici”, mentre le persone socievolie “amorevoli” (secondo la classificazione del big five)l’opposto…termini positivi…ecc…

Tal Yarkoni della Università del Colorado ha estesoqueste intuizioni al mondo del web e più in particolare almondo dei blogger 🙂 Ha analizzato 694 blog per untotale di 115.000 parole scritte nell’arco di due anni, edha successivamente incrociato questi dati con i risultatidi test di personalità ai quali i blogger si sono sottoposti.La maggior parte dei soggetti era composto da donnecon un’età media di 36 anni…

Come ti avevo già detto, al contrario di ciò che si pensavachi “scrive in rete” mostra davvero se stesso. Mentre untempo si credeva che il web alimentasse delle “personalitàfasulle”. Questo è stato anche il risultato di Yarkoni, iblogger (o meglio le blogger ;-)) hanno utilizzato con unacerta significatività (cioè con un’alta frequenza) terminiche erano realmente correlati alle loro personalità.Ottenendo correlazioni simili agli studi effettuati offlinechiedendo ai soggetti di scrivere piccoli temi.

I risultati sono stati: i blogger nevrotici hanno utilizzatopiù parole che indicavano emozioni negative, mentre iblogger estroversi hanno utilizzato più parole legate alleemozioni positive. Gli “amabili” evitavano le paroleforti e le parolacce, utilizzando più termini comuni esemplici… mentre i “coscienziosi” usavano più terminiriferiti alla acquisizione e alla sensibilizzazione versocerti temi importanti. E infine (risultato più ambiguo) iblogger aperti usavano più preposizioni e più parole”intellettuali e complesse”…

Questa enorme molte di dati ha permesso ai ricercatorinon solo di correlare tipi di parole e tratti di personalità,ma addirittura a selezionare alcune parole chiave. Adesempio il nevroticismo era caratterizzato da parole come”ironia” e negativamente correlato a parole come “stimolo”.L’estroversione è positivamente collegata alla parola “bere/drink” e negativamente correlata al termine “computer”.L’apertura era positivamente correlata alla parola “inchiostro”L’amorevolezza positivamente correlata a “meraviglioso” enegativamente correlata al termine “porno”. E lacoscienziosità era correlata positivamente ai termini”completo e finito” e negativamente correlato a “noioso”.

Freud ha detto “è impossibile conoscere gli uomini senzaconoscere la forza delle parole”… e ha anche detto unacosa del genere “è inutile cercare di nascondersi tanto laverità verrà fuori dai nostri discorsi, anche se questinon trattano quella specifica verità”. Insomma già ilbuon vecchio papà della psicanalisi ci aveva beccato;)

Fammi sapere che ne pensi, lascia un commentoqui sotto e se ti piace il mio blog, iscriviti ai miei feed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.

A prestoGenna