Ciao,

quello che stai per leggere non è il classico post della audionewsletter, perché invece di parlare solo di Psicologiaoggi parlerò anche di blogging. No! evita di preoccuparti,non cambio il focus del blog… ma un po’ perché è estate eun po’ perché ho in serbo un sacco di super interviste nelfuturo, ho deciso di regalarti questo audio. Si tratta di unaintervista che Matteo Radavelli collega e amico dipsychomer.it mi ha fatto, ma con mia grande sorpresanon mi ha chiesto molto “sulla psicologia” ma piuttosto sucome ho strutturato il mio lavoro di “psicologo blogger”.

Lo hai ascoltato? lo so ti serve qualche minuto per poterlaascoltare tutta, ed è per questo che, a differenza degli audioa cui “sei abituato”, questo file è scaricabile. Infatti se clicchi QUI con il tasto destro del tuo mouse e selezioni “scaricaoggetto con nome” puoi metterlo dentro una cartella e poinel tuo I-pod. E, se sei fra i fortunati che sono in vacanzapuoi ascoltartelo sotto l’ombrellone ;-)). Cosa ne dici èun bell’esempio di sviluppo professionale?

Matteo è un collega psicologo che vive e lavora a Londra eche, come me, è appassionato di blogging…cioè dellapossibilità unica che possediamo oggi di diventare publisherdi contenuti su cui siamo appassionati o su cui seiesperto. Questo se ben fatto, ed io spero di farlo almenodiscretamente…diventa un vero e proprio “lavoro”. Perchèoggi è possibile sostenersi nel farlo, ed è per questo che vediqui a lato alcune pubblicità. (Ti avviso non è per niente faiclefarlo, al contrario di quanto si racconta in giro ;-))

La maggior parte delle persone che non conoscono questomondo pensano: “si ma per diventare un vero giornalistahai bisogno di un tirocinio ecc…ecc…e per di più non c’ènessuno che filtra quello che scrivi…non esiste uncontrollo”. Bene, c’è una cosa certa per chi la “pensa inquesto modo”: internet è un sistema che si auto-regolamenta, proprio come il tuo corpo e la tua mente ;-)Sei libero di non credermi ma se qualcuno scrive cavolatein breve tempo smetterà di farlo…perché?

..semplice perché dopo, mesi e anni che hai 100 visitescarse al giorno “ti passa la voglia” 😉 in pratica nonportare valore scrivendo baggianate di poco conto nonporta valore a te. Ne sul web, in caso tu dia consigli suservizi e prodotti di altri e sia e ne dal vivo…nel caso tuproponga una qualche tipo di consulenza o formazionedal vivo.

Il concetto più importante di questo post è quellolegato alla qualità della formazione on-line che ormaiha livelli di standard altissimi. Ma troppo spesso lepersone non si fidano, e ti assicuro che oggi se vediche un sito è seguito, ti piace quello che ci scrivonoe pensi che vi sia una base di “serietà” (che non staa significare seriosità) allora puoi stare tranquillo.Significa che quel sito ha passato il vaglio del popolo diinternet, vaglio che spesso è molto più duro di qualsiasialtro sistema di filtraggio della informazione.

In oltre, ascoltare storie di successo (io ritengo chela mia sia fra queste, per lo meno nel mio piccolo campo)fa bene. Fa parte di quel concetto tanto caro ai piennelisitidi “modellamento dell’eccellenza“. Ed è per questo che cisaranno altre audio newsletter dedicate ad intervistarepersonaggio che possono darti davvero qualcosa. Ti pre-annuncio che la prossima settimana (se riesco) intervisteròFrancesco di Fant, l’esperto di linguaggio non verbale che,probabilmente hai conosciuto alla “pupa e il secchione”.

Potremmo così scoprire come è arrivato a fare quelloche fa, che cosa ne pensa del CNV e se può darci qualchepiccolo trucchetto per diventare dei bravi sbugiardatoried infine gli chiederò dove e come possiamo formarci inquesto senso.

Non mi stancherò mai di raccontarti che, quando hoiniziato questo splendido percorso all’interno mente umanail materiale che girava era, poco e di scarsa qualità. Oggi tibasta digitare la parole chiavi giuste per trovare tuttoquello che ti serve. L’altro giorno un mio carissimo socio ecollega mi ha detto “ma Genna tu sei un killer del mercato…perché regali tutto” 😉 esattissimo la mia intenzionenon è venderti della conoscenza… al massimo possovenderti delle esperienze. E’ giusto che la conoscenzasu come migliorarsi sia di tutti 😉

fammi sapere che cosa ne pensi e se ti piace il blog,iscriviti ai miei feed rss e visto che oggi siamo in tema diblogging…clicca qui per scoprire cosa “diavolo sono stifeed” 😉 e se vuoi puoi anche seguire gli aggiornamentidirettamente dal tuo account di facebook.

A prestoGenna

Ps. per sviluppo professionale si intende una brancadello sviluppo personale. Non so se ci hai mai pensatoma passi gran parte della tua vita a vendere le tuecompetenze, qualsiasi sia il tuo lavoro… mi auguro chequesti articoli possano farti crescere almeno quantohanno fatto crescere me 😉