Ciao,

ricordi gli ultimi studi sulla comunicazione non verbale? Si basavano sul contatto oculare…nello studio di oggi, tutto italiano ti mostra come è possibile aumentare la gradevolezza di un brano musicale attraverso lo sguardo…

Alessandro Antonietti, Daniela Cocomazzi e Paola Iannello si sono occupati di questo tema…in modo particolare hanno svolto una serie di ricerche, in alcune i musicisti non guardavano il pubblico, mentre in altre lo facevano guardando direttamente le persone negli occhi.

Lo sguardo è riuscito ad influenzare la qualità percepita della prestazione musicale. Come sempre la cosa non dovrebbe stupire…eppure ci rendiamo ancora poco conto di quanto possa essere potente il nostro sguardo.

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima”, forse non è solo un modo di dire… sempre più studi ci mostrano che oltre ad essere “lo specchio”…essi sono anche il”mezzo della anima”…

Infatti attraverso lo sguardo veicoliamo messaggi e segnali ben visibili che, probabilmente abbiamo dovuto apprendere a costo della nostra sopravvivenza. Come ti ho raccontato più volte, i nostri avi dovevano capire con un solo sguardo se le altre persone erano dei malintenzionati…

Se ricordi abbiamo anche parlato di come le donne riescano a valutare il loro partner in una manciata di secondi. E’questo la dice lunga sulla efficacia della comunicazione non verbale veicolata dagli occhi.

Come si diceva in un vecchio post…apprendere come usare lo sguardo è un’abilità fondamentale di ogni comunicatore efficace. Troppo spesso le persone sono timide e non si guardano negli occhi…

…questo è anche dovuto al fatto che, lo sguardo diretto negli occhi viene spesso percepito come uno “sguardo di sfida”…cosa che accade alche nel regno animale…In questo posttrovi alcuni consigli per scoprire come “usare lo sguardo”.

Fammi sapere che cosa ne pensi lasciando un commento qui sotto.

A presto
Genna